Immagine di profilo di madu
Altre Notizie dell'utente


Berlinale 2012: Diaz – Non pulite questo sangue
In una sala meno affollata di quanto l’attesa intorno al film facessero sperare, è stato presentato oggi (12 febbraio 2012) nella sezione Panorama Special della Berlinale "Diaz – Non pulite questo...



Anonymous – Videomessaggio “Operation Mayhem” #attacco contro la legge antipirateria#
Anonymous Operazione Mayhem : Fase 1: Proteggiamo l’ IP ” Cari senatori, Noi siamo Anonymous. È giunta alla nostra attenzione che 24 senatori hanno ritenuto necessario promuovere la ” HR3261″...



Anonymous NOTAV – #Operation Trenitalia# – duro attacco alla “vera compagnia terroristica”
Apr 12th, 2012 ” Anonymous vuole spostare nuovamente l’attenzione mediatica verso la linea ad alta velocità Torino-Lione unendosi per solidarietà e virtuale attivismo ai manifestanti che...



Anonymous | Videomessaggio: “Anonymous sollecita i leader mondiali a dire la verità sul coronavirus”
Published on March 8, 2020 By Anonymous   “Salve cittadini del mondo. Questo è un messaggio importante di Anonymous su come i vostri governi stanno gestendo la crescente...



Petizione a favore di Salvatore Barbera responsabile della campagna Clima di Greenpeace
Firma la Petizione ! Gentile Ministro Anna Maria Cancellieri in queste ore abbiamo appreso che il Questore di Roma ha disposto per Salvatore Barbera, responsabile della campagna per i...



Anonymous intende “distruggere Fox News”
Anonymous: ricorda il cinque novembre di Claudio Tamburrino Un video che annuncia l’offensiva contro Fox News: sarebbe colpevole di aver screditato e manipolato i reportage sulla protesta...



Anonymous – Videomessaggio “Operation Blackout” # attacco contro la censura ad Internet #
Questa è l’operazione più importante nella storia di Anonymous. Nessuna altra operazione verrà eseguita fino a quando non saremo certi dell’esito positivo di questa azione. Qualsiasi video caricato...



Il profitto o la vita?
MSF rilancia la campagna a tutela dei farmaci generici Da sei anni il gigante farmaceutico Novartis porta avanti una causa legale contro l’India che minaccia l’accesso ai farmaci salva-vita a...



Nestlé sotto processo. Avrebbe spiato gli attivisti di Attac
La multinazionale svizzera avrebbe incaricato una società privata di spiare gli attivisti che stavano preparando un libro denuncia. Almeno due agenti sarebbero stati infiltrati nel gruppo, fornendo...



Appello per i migranti tunisini dispersi/نداء من أجل التونسيين المهاجرين المفقودين/Appel pour les migrants tunisiens disparus/Petition for missing Tunisian migrants
Di madu · creato il 23/11/2011 23:53 · vista 643 volte · SOLIDARIETA' · ITALIA


Prova a immaginare: tuo fratello o tuo figlio parte e non dà più notizie di sé dopo la sua partenza. Non è arrivato? Non lo sai, potrebbe essere stato arrestato nello stato di arrivo che non prevede che si possa arrivare semplicemente partendo e che per questo arresta quelli che arrivano mettendoli nei centri di detenzione o in prigione. Aspetti qualche giorno, guardi immagini alla televisione del luogo in cui potrebbe essere arrivato, per sperare di vederlo. Capisci anche che tuo figlio o tuo fratello non è l’unico a non aver telefonato dopo essere partito. Insieme alle altre famiglie chiedi allora alle autorità del tuo paese di informarsi, di capire se sono tutti in qualche carcere, speri che lo siano anche se temi che non vengano trattati bene. Ma le autorità non fanno nulla, non chiedono e non ti ascoltano, per mesi. Tu nel frattempo fai presidi, manifestazioni, parli con i rappresentanti di alcune associazioni, con i giornalisti, porti la foto di tuo figlio o di tuo fratello ovunque, ti affidi a ogni persona che viene dall’altro paese, le dai le foto, la data di nascita, le impronte digitali. Vuoi sapere. Ma non accade nulla e cominci a immaginare: potrebbe essere in una cella di isolamento, potrebbe essere stato arrestato come passeur, potrebbe essersi rivoltato nel centro di detenzione, potrebbe…. Potrebbe essere in Italia, ma forse a Malta, forse in Libia. Immagini, tu? Per alcune e alcuni di noi non si tratta di immaginare perché è quello che ci è successo. Sono partiti dalla Tunisia con le barche e in molti non hanno più dato notizia di sé. Sono morti? Sono in carcere? Sono…? Per saperlo chiediamo ora alle autorità italiane e tunisine di collaborare. Sarebbe molto semplice, perché in Tunisia le carte di identità sono con le impronte digitali e in Italia esistono i rilievi dattiloscopici dei migranti identificati o detenuti. Chiediamo, allora, che i parenti dei dispersi possano fare una domanda al Ministero degli esteri tunisino affinché fornisca le impronte digitali al Ministero degli interni italiano e a questo chiediamo di rispondere. Immagini, tu? Se riesci a immaginare ti chiediamo di sostenere con una firma questo appello. http://ki.noblogs.org/?p=3522



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011