Immagine di profilo di madu
Altre Notizie dell'utente


Anonymous Italia – # Operation Equitalia # Tango Down
Giorno a voi Equitalia, Abbiamo deciso di dimostrarvi tutto il nostro affetto “pubblicizzando” il vostro meraviglioso ed informativo sito inondandolo di richieste, certi che la cosa vi farà...



WikiLeaks – Terremoto globale: le rivelazioni sulla oscura e potente Stratfor
“WikiLeaks ha avviato la pubblicazione del “The Global Intelligence Files” , oltre 5 milioni di email della Strategic Forecasting Inc (Stratfor), un’importante società americana che fornisce servizi...



Anonymous intende “distruggere Fox News”
Anonymous: ricorda il cinque novembre di Claudio Tamburrino Un video che annuncia l’offensiva contro Fox News: sarebbe colpevole di aver screditato e manipolato i reportage sulla protesta...



Hasta la Victoria, Socrates… e che Dio ci conservi Maradona
di OMAR MOUZAKIS Sur y Sur La morte di Socrates, a cui assisto senza sprofondare nella tristezza, simbolizza in qualche modo la morte del calcio. Sembra, anche, un simbolo per ritrarre questa...



Se ucciso dopo la cattura, la morte di Gheddafi è un crimine di guerra. Necessaria un’inchiesta
Amnesty International ha chiesto alle nuove autorità libiche di garantire lo svolgimento di un’inchiesta completa, indipendente e imparziale sulle circostanze della morte del colonnello Muammar...



Il papa attacca l’ateismo, l’UAAR replica: “la sua è cattiva coscienza”
Durante il discorso pronunciato giovedì scorso ad Assisi nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, in occasione di un incontro interreligioso e pellegrinaggio di preghiera, Benedetto XVI,...



Lettere: a Regina Coeli viviamo nel gelo più assoluto, i termosifoni non funzionano
“Carissima Radio Carcere, ti scrivo per informarti che nella VI sezione del carcere di Regina Coeli è emergenza freddo. Infatti in questa sezione i riscaldamenti sono completamente spenti e tutti...



Anonymous – # 27 febbraio 2012 Marcia Mondiale di Solidarietà #
“Durante lo sviluppo dei recenti movimenti ” Occupy”, abbiamo assistito all’unione tra il Nord America, America Latina, Europa, Africa, Asia, Medio Oriente e Australia. Ma ogni volta che la polizia...



L’ultimo addio ad Alda Merini
INVIATE QUESTA MAIL AL COMUNE DI MILANO. DIFFONDETELA TRA TUTTI I VOSTRI AMICI, DENTRO E FUORI FACEBOOK. LO DOBBIAMO AD ALDA MERINI. Grazie! Assessore Stefano Boeri (assessore.boeri...



Appello per i migranti tunisini dispersi/نداء من أجل التونسيين المهاجرين المفقودين/Appel pour les migrants tunisiens disparus/Petition for missing Tunisian migrants
Di madu · creato il 23/11/2011 23:53 · vista 610 volte · SOLIDARIETA' · ITALIA


Prova a immaginare: tuo fratello o tuo figlio parte e non dà più notizie di sé dopo la sua partenza. Non è arrivato? Non lo sai, potrebbe essere stato arrestato nello stato di arrivo che non prevede che si possa arrivare semplicemente partendo e che per questo arresta quelli che arrivano mettendoli nei centri di detenzione o in prigione. Aspetti qualche giorno, guardi immagini alla televisione del luogo in cui potrebbe essere arrivato, per sperare di vederlo. Capisci anche che tuo figlio o tuo fratello non è l’unico a non aver telefonato dopo essere partito. Insieme alle altre famiglie chiedi allora alle autorità del tuo paese di informarsi, di capire se sono tutti in qualche carcere, speri che lo siano anche se temi che non vengano trattati bene. Ma le autorità non fanno nulla, non chiedono e non ti ascoltano, per mesi. Tu nel frattempo fai presidi, manifestazioni, parli con i rappresentanti di alcune associazioni, con i giornalisti, porti la foto di tuo figlio o di tuo fratello ovunque, ti affidi a ogni persona che viene dall’altro paese, le dai le foto, la data di nascita, le impronte digitali. Vuoi sapere. Ma non accade nulla e cominci a immaginare: potrebbe essere in una cella di isolamento, potrebbe essere stato arrestato come passeur, potrebbe essersi rivoltato nel centro di detenzione, potrebbe…. Potrebbe essere in Italia, ma forse a Malta, forse in Libia. Immagini, tu? Per alcune e alcuni di noi non si tratta di immaginare perché è quello che ci è successo. Sono partiti dalla Tunisia con le barche e in molti non hanno più dato notizia di sé. Sono morti? Sono in carcere? Sono…? Per saperlo chiediamo ora alle autorità italiane e tunisine di collaborare. Sarebbe molto semplice, perché in Tunisia le carte di identità sono con le impronte digitali e in Italia esistono i rilievi dattiloscopici dei migranti identificati o detenuti. Chiediamo, allora, che i parenti dei dispersi possano fare una domanda al Ministero degli esteri tunisino affinché fornisca le impronte digitali al Ministero degli interni italiano e a questo chiediamo di rispondere. Immagini, tu? Se riesci a immaginare ti chiediamo di sostenere con una firma questo appello. http://ki.noblogs.org/?p=3522



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011